Malta #4. Mass in La Valletta, at the Floriana Granaries

Malta #4. Mass in La Valletta, at the Floriana Granaries

Dear Brothers and Sisters in Jesus Christ,
Maħbubin uliedi [My dear sons and daughters],

I am very glad to be here with all of you today before the beautiful church of Saint Publius to celebrate the great mystery of God’s love made manifest in the Holy Eucharist. At this time, the joy of the Easter season fills our hearts because we are celebrating Christ’s victory, the victory of life over sin and death. It is a joy which transforms our lives and fills us with hope in the fulfilment of God’s promises. Christ is risen, alleluia!

I greet the President of the Republic and Mrs Abela, the civil authorities of this beloved Nation, and all the people of Malta and Gozo. I thank Archbishop Cremona for his gracious words, and I also greet Bishop Grech and Bishop Depasquale, Archbishop Mercieca, Bishop Cauchi and the other bishops and priests present, as well as all the Christian faithful of the Church in Malta and Gozo. Since my arrival yesterday evening I have experienced the same kind of warm welcome which your ancestors gave the Apostle Paul in the year sixty.

Many travellers have disembarked here in the course of your history. The richness and variety of Maltese culture is a sign that your people have profited greatly from the exchange of gifts and hospitality with seafaring visitors. And it is a sign that you have known how to exercise discernment in drawing upon the best of what they had to offer.

I urge you to continue to do so. Not everything that today’s world proposes is worthy of acceptance by the people of Malta. Many voices try to persuade us to put aside our faith in God and his Church, and to choose for ourselves the values and beliefs by which to live. They tell us we have no need of God or the Church. If we are tempted to believe them, we should recall the incident in today’s Gospel, when the disciples, all of them experienced fishermen, toiled all night but failed to catch a single fish. Then, when Jesus appeared on the shore, he directed them to a catch so great that they could scarcely haul it in. Left to themselves, their efforts were fruitless; when Jesus stood alongside them, they netted a huge quantity of fish. My dear brothers and sisters, if we place our trust in the Lord and follow his teachings, we will always reap immense rewards.

Our first reading at Mass today is one that I know you love to hear, the account of Paul’s shipwreck on the coast of Malta, and his warm reception by the people of these islands. Notice how the crew of the ship, in order to survive, were forced to throw overboard the cargo, the ship’s tackle, even the wheat which was their only sustenance. Paul urged them to place their trust in God alone, while the ship was tossed to and fro upon the waves. We too must place our trust in him alone. It is tempting to think that today’s advanced technology can answer all our needs and save us from all the perils and dangers that beset us. But it is not so. At every moment of our lives we depend entirely on God, in whom we live and move and have our being. Only he can protect us from harm, only he can guide us through the storms of life, only he can bring us to a safe haven, as he did for Paul and his companions adrift off the coast of Malta. They did as Paul urged them to do, and so it was «that they all escaped safely to the land» (Acts 27:44).

More than any of the cargo we might carry with us – in terms of our human accomplishments, our possessions, our technology – it is our relationship with the Lord that provides the key to our happiness and our human fulfilment. And he calls us to a relationship of love. Notice the question that he put three times to Peter on the shore of the lake: «Simon, son of John, do you love me?» On the basis of Peter’s affirmative response, Jesus assigns him a task – the task of feeding his flock. Here we see the basis of all pastoral ministry in the Church. It is our love for the Lord that must inform every aspect of our preaching and teaching, our celebration of the sacraments, and our care for the people of God. It is our love for the Lord that moves us to love those whom he loves, and to accept gladly the task of communicating his love to those we serve. During our Lord’s Passion, Peter denied him three times. Now, after the Resurrection, Jesus invites him three times to avow his love, in this way offering him healing and forgiveness and at the same time entrusting him with his mission. The miraculous catch of fish underlined the apostles’ dependence on God for the success of their earthly projects. The dialogue between Peter and Jesus underlined the need for divine mercy in order to heal their spiritual wounds, the wounds of sin. In every area of our lives we need the help of God’s grace. With him, we can do all things: without him we can do nothing.

We know from Saint Mark’s Gospel the signs that accompany those who put their faith in Jesus: they will pick up serpents and be unharmed, they will lay their hands on the sick, who will recover (cf. Mk 16:18). These signs were immediately recognized by your forebears when Paul came among them. A viper attached itself to his hand, but he simply shook it off into the fire, and suffered no harm. He was taken to see the father of Publius, the protos of the island, and after praying and laying hands on him, Paul healed him of his fever. Of all the gifts brought to these shores in the course of your people’s history, the gift brought by Paul was the greatest of all, and it is much to your credit that it was immediately accepted and treasured. Għożżu l-fidi u l-valuri li takom l-Appostlu Missierkom San Pawl. [Preserve the faith and values transmitted to you by your father the Apostle Saint Paul]. Continue to explore the richness and depth of Paul’s gift to you and be sure to hand it on not only to your children, but to all those you encounter today. No visitor to Malta could fail to be impressed by the devotion of your people, the vibrant faith manifested in your feast-day celebrations, the beauty of your churches and shrines. But that gift needs to be shared with others, it needs to be articulated. As Moses taught the people of Israel, the words of the Lord «shall be upon your heart, and you shall teach them diligently to your children, and shall talk of them when you sit in your house, and when you walk by the way, and when you lie down and when you rise» (Deut 6:6-7). This was well understood by Malta’s first canonized Saint, Dun Ġorɍ Preca. His tireless work of catechesis, inspiring young and old with a love for Christian doctrine and a deep devotion to the Incarnate Word of God, set an example that I urge you to maintain. Remember that the exchange of goods between these islands and the world outside is a two-way process. What you receive, evaluate with care, and what you have that is of value, be sure to share with others.

I would like to address a particular word to the priests present here, in this year devoted to a celebration of the great gift of the priesthood. Dun Ġorɍ was a priest of remarkable humility, goodness, meekness and generosity, deeply devoted to prayer and with a passion for communicating the truths of the Gospel. Let him serve as a model and an inspiration for you, as you strive to fulfil the mission you have received to feed the Lord’s flock. Remember, too, the question that the Risen Lord put three times to Peter: «Do you love me?» That is the question he asks each of you. Do you love him? Do you wish to serve him through the gift of your whole lives? Do you long to bring others to know and love him? With Peter, have the courage to answer, «Yes, Lord, you know I love you,» and accept with grateful hearts the beautiful task that he has assigned you. The mission entrusted to priests is truly a service to joy, to God’s joy which longs to break into the world (cf. Homily, 24 April 2005).

As I look around me now at the great crowds gathered here in Floriana for our celebration of the Eucharist, I am reminded of the scene described in our second reading today, in which myriads of myriads and thousands of thousands united their voices in one great song of praise: «To the One seated on the throne and to the Lamb, be all praise, honour, glory and power, for ever and ever» (Rev 5:13). Continue to sing that song, in praise of the risen Lord and in thanksgiving for his manifold gifts. In the words of Saint Paul, Apostle of Malta, I conclude my words to you this morning: «L-imħabba tiegħi tkun magħkom ilkoll fi Kristu Ġesù» ["My love is with you all in Christ Jesus"] (1 Cor 16:24).

Ikun imfaħħar Ġesù Kristu! [Praised be Jesus Christ!]

TRADUZIONE IN LINGUA ITALIANA

Cari Fratelli e Sorelle in Gesù Cristo,
Maħbubin uliedi [Miei cari figli e figlie],

Sono molto contento di essere qui con voi tutti oggi davanti alla bella chiesa di San Publio per celebrare il grande mistero dell’amore di Dio reso manifesto nella Santa Eucarestia. In questo tempo, la gioia del periodo Pasquale riempie i nostri cuori perché stiamo celebrando la vittoria di Cristo, la vittoria della vita sul peccato e sulla morte. E’ una gioia che trasforma le nostre vite e ci riempie di speranza nel compimento delle promesse di Dio. Cristo è risorto alleluia!

Saluto il Presidente della Repubblica e la Signora Abela, le Autorità civili di questa amata Nazione e tutto il popolo di Malta e Gozo. Ringrazio l’Arcivescovo Cremona per le sue gentili parole e saluto anche il Vescovo Grech e il Vescovo Depasquale, l’Arcivescovo Mercieca, il Vescovo Cauchi e gli altri Vescovi e sacerdoti presenti, così come i fedeli cristiani della Chiesa che è in Malta e in Gozo. Fin dal mio arrivo ieri sera ho avvertito la stessa calorosa accoglienza che i vostri antenati hanno riservato all’apostolo Paolo nell’anno sessanta.

Molti viaggiatori sono sbarcati qui nel corso della vostra storia. La ricchezza e la varietà della cultura maltese è un segno che il vostro popolo ha tratto grande profitto dallo scambio di doni ed ospitalità con i viaggiatori venuti dal mare. Ed è significativo che voi abbiate saputo esercitare il discernimento nell’individuare il meglio di ciò che essi avevano da offrire.

Vi esorto a continuare a fare così. Non tutto quello che il mondo oggi propone è meritevole di essere accolto dai Maltesi. Molte voci cercano di persuaderci di mettere da parte la nostra fede in Dio e nella sua Chiesa e di scegliere da se stessi i valori e le credenze con i quali vivere. Ci dicono che non abbiamo bisogno di Dio e della Chiesa. Se siamo tentati di credere a loro, dovremmo ricordare l’episodio del Vangelo di oggi, quando i discepoli, tutti esperti pescatori, hanno faticato tutta la notte, ma non hanno preso neppure un solo pesce. Poi, quando Gesù è apparso sulla riva, ha indicato loro dove pescare e hanno potuto realizzare una pesca così grande, che a stento potevano trascinarla. Lasciati a se stessi, i loro sforzi erano infruttuosi; quando Gesù è rimasto accanto a loro, hanno catturato una grande quantità di pesci. Miei cari fratelli e sorelle, se poniamo la nostra fiducia nel Signore e seguiamo i suoi insegnamenti, raccoglieremo sempre grandi frutti.

La prima lettura della Messa odierna è di quelle che so che amate ascoltare: il racconto del naufragio di Paolo sulla costa di Malta e la calorosa accoglienza a lui riservata dalla popolazione di queste isole. Notate come i componenti dell’equipaggio della barca, per poter sopravvivere, furono costretti a gettare fuori il carico, l’attrezzatura della barca ed anche il frumento che era il loro unico sostentamento. Paolo li esortò a porre la loro fiducia solo in Dio, mentre la barca era scossa dalle onde. Anche noi dobbiamo porre la nostra fiducia in lui solo. Si è tentati di pensare che l’odierna tecnologia avanzata possa rispondere ad ogni nostro desiderio e salvarci dai pericoli che ci assalgono. Ma non è così. In ogni momento della nostra vita dipendiamo interamente da Dio, nel quale viviamo, ci muoviamo ed abbiamo la nostra esistenza. Solo lui può proteggerci dal male, solo lui può guidarci tra le tempeste della vita e solo lui può condurci ad un porto sicuro, come ha fatto per Paolo ed i suoi compagni, alla deriva sulle coste di Malta. Essi hanno fatto ciò che Paolo esortava loro di compiere e fu così che «tutti poterono mettersi in salvo a terra» (At 27,44).

Più di ogni carico che possiamo portare con noi – nel senso delle nostre realizzazioni umane, delle nostre proprietà, della nostra tecnologia – è la nostra relazione con il Signore che fornisce la chiave della nostra felicità e della nostra realizzazione umana. Ed egli ci chiama ad una relazione di amore. Fate attenzione alla domanda che per tre volte egli rivolge a Pietro sulla riva del lago: «Simone, figlio di Giovanni, mi ami tu?». Sulla base della risposta affermativa di Pietro, Gesù gli affida un compito, il compito di pascere il suo gregge. Qui vediamo il fondamento di ogni ministero pastorale nella Chiesa. E’ il nostro amore per il Signore che deve plasmare ogni aspetto della nostra predicazione ed insegnamento, della celebrazione dei sacramenti, e della nostra cura per il Popolo di Dio. E’ il nostro amore per il Signore che ci spinge ad amare quelli che Egli ama, e ad accettare volentieri il compito di comunicare il suo amore a coloro che serviamo. Durante la passione del Signore, Pietro lo ha rinnegato tre volte. Ora, dopo la Resurrezione, Gesù lo invita tre volte a dichiarare il suo amore, offrendo in tal modo salvezza e perdono, e allo stesso tempo affidandogli la sua missione. La pesca miracolosa aveva sottolineato la dipendenza degli apostoli da Dio per il successo dei loro progetti terreni. Il dialogo tra Pietro e Gesù ha sottolineato il bisogno della divina misericordia per guarire le loro ferite spirituali, le ferite del peccato. In ogni ambito della nostra vita necessitiamo dell’aiuto della grazia di Dio. Con lui possiamo fare ogni cosa: senza di lui non possiamo fare nulla.

Conosciamo dal Vangelo di san Marco i segni che accompagnano coloro che hanno posto la loro fede in Gesù: prenderanno in mano serpenti e questo non recherà loro danno; imporranno le mani ai malati e questi guariranno (cfr Mc 16,18). Tali segni sono stati presto riconosciuti dai vostri antenati, quando Paolo venne fra loro. Una vipera si attaccò alla sua mano ma egli semplicemente la scosse e gettò nel fuoco senza soffrire alcun danno. Paolo fu condotto a vedere il padre di Publio, il «protos» dell’isola, e dopo aver pregato e imposto le mani su di lui, lo guarì dalla febbre. Di tutti i doni portati a queste rive nel corso della storia della vostra gente, quello portato da Paolo è stato il più grande di tutti, ed è vostro merito che esso sia stato subito accolto e custodito. Għożżu l-fidi u l-valuri li takom l-Appostlu Missierkom San Pawl. [Preservate la fede e i valori che vi sono stati trasmessi dal vostro padre, l’apostolo San Paolo.] Continuate ad esplorare la ricchezza e la profondità del dono di Paolo e procurate di consegnarlo non solo ai vostri figli, ma a tutti coloro che incontrate oggi. Ogni visitatore di Malta dovrebbe essere impressionato dalla devozione della sua gente, dalla fede vibrante manifestata nelle celebrazioni nei giorni di festa, dalla bellezza delle sue chiese e dei suoi santuari. Ma quel dono ha bisogno di essere condiviso con altri, ha bisogno di essere espresso. Come insegnò Mosè al popolo di Israele, i precetti del Signore «ti stiano fissi nel cuore. Li ripeterai ai tuoi figli, ne parlerai quando ti troverai in casa tua, quando camminerai per via, quando ti coricherai e quando ti alzerai» (Dt 6,6-7). Ciò è stato ben capito dal primo santo canonizzato di Malta, Dun Ġorɍ Preca. La sua instancabile opera di ca

techesi, ispirando giovani ed anziani con un amore per la dottrina cristiana ed una profonda devozione al Verbo incarnato, è diventata un esempio che vi esorto a mantenere. Ricordate che lo scambio di beni tra queste isole ed il resto del mondo è un processo a due vie. Quello che ricevete, valutatelo con cura, e ciò che possedete di valore sappiatelo condividere con gli altri.

Desidero rivolgere una particolare parola ai sacerdoti qui presenti in questo anno dedicato alla celebrazione del grande dono del sacerdozio. Dun Ġorɍ era un prete di straordinaria umiltà, bontà, mitezza e generosità, profondamente dedito alla preghiera e con la passione di comunicare le verità del vangelo. Prendetelo come modello ed ispirazione per voi, mentre adempite la missione che avete ricevuto di pascere il gregge del Signore. Ricordate anche la domanda che il Signore Risorto ha rivolto tre volte a Pietro: «Mi ami tu?». Questa è la domanda che egli rivolge a ciascuno di voi. Lo amate? Desiderate servirlo con il dono della vostra intera vita? Desiderate condurre altri a conoscerlo ed amarlo? Con Pietro abbiate il coraggio di rispondere: «Sì, Signore, tu sai che io ti amo» e accogliete con cuore grato il magnifico compito che egli vi ha assegnato. La missione affidata ai sacerdoti è veramente un servizio alla gioia, alla gioia di Dio che brama irrompere nel mondo (cfr Omelia, 24 aprile 2005).

Guardando ora attorno a me alla grande folla raccolta qui in Floriana per la celebrazione dell’eucarestia, mi torna alla mente la scena descritta nella seconda lettura di oggi, nella quale miriadi di miriadi e migliaia di migliaia unirono le loro voci in un grande inno di lode: «A Colui che siede sul trono e all’Agnello lode, onore, gloria e potenza, nei secoli dei secoli» (Ap 5,13). Continuate a cantare questo inno, a lode del Signore risorto ed in ringraziamento per i suoi molteplici doni. Con le parole di San Paolo, Apostolo di Malta, concludo la mia esortazione a voi questa mattina: «L-imħabba tiegħi tkun magħkom ilkoll fi Kristu Ġesù» ["Il mio amore con tutti voi in Cristo Gesù!"] (1 Cor 16,24).

Ikun imfaħħar Ġesù Kristu! [Sia lodato Gesù Cristo!]

————————

Al termine della Santa Messa nel Piazzale dei Granai a Floriana, il Santo Padre guida la recita del Regina Cæli con i fedeli presenti. Queste le parole del Papa nell’introdurre la preghiera mariana del tempo pasquale:

PAROLE DEL SANTO PADRE

Dear Brothers and Sisters in Christ,

When you give thanks, when you have particular prayer intentions, and when you seek heavenly protection for your loved ones, it is your custom to turn to the Blessed Virgin Mary, Mother of the Church and our Mother. I am aware of the particular devotion of the Maltese people to the Mother of God, expressed with great fervour to Our Lady of Ta’ Pinu and so I am pleased to have the opportunity to pray before her image, brought here specially from Gozo for this occasion. I am also delighted to present a Golden Rose to her, as a sign of our shared filial affection for the Mother of God. I ask you in particular to pray to her under the title Queen of the Family, a title added to the Litany of Loreto by my beloved predecessor, Pope John Paul II, himself on more than one occasion a visitor to these shores. In offering you this tangible memento of my own visit, I thank you for all that I have received from you in return, especially for the warmth of your devotion and the support of your prayers for my ministry as the Successor of Peter.

We turn now in prayer to Mary, Mother of the Church and Queen of Heaven, as we rejoice in the Resurrection of the One whom she bore in her womb.

Regina Cæli, lætare …

We join in prayer those gathered in Valladolid Cathedral, in Spain, where Bernardo Francisco de Hoyos, a priest of the Society of Jesus, was beatified this morning. Let us give thanks to God for all the holy men and women he has given to his Church.

Sono lieto di salutare tutti i pellegrini di lingua italiana qui presenti oggi in questa felice occasione, specialmente quelli che sono giunti da Lampedusa e Linosa! Grazie per essere venuti a condividere questo momento di celebrazione e di preghiera con i fratelli e le sorelle maltesi. Che l’Apostolo Paolo, del quale commemoriamo l’anniversario della presenza in queste isole, sia per voi un esempio di fede salda e coraggiosa di fronte alle avversità.
Su tutti voi e sui vostri familiari a casa, ben volentieri invoco abbondanti Benedizioni del Signore per un felice e santo tempo di Pasqua.

[I am pleased to welcome all the Italian speaking pilgrims present today on this joyful occasion, especially those that have come from Lampedusa and Linosa! Thank you for having come to share this moment of celebration and prayer with the Maltese brothers and sisters. May the Apostle Paul, whose anniversary of his presence on this island we commemorate, be an example of solid and courageous faith to you in all adversities.
Upon all of you and your families at home, I wholeheartedly invoke the abundant blessings of the Lord for a joyous and holy Paschal time.]

Метки: ,

Leave a Reply